A verità dell'omo

Ge xe done sapienti e de cultura,
Che 'e me parla de arte e de sciensa,
Resto stupio da tanta inteigensa;
E intanto penso: -"che tete da paura!"

Ge xe done co l'anima immensa,
Gentii e bone e te usa ogni cura,
A esser de core xe a so natura;
E intanto penso : -"seso e vioensa!"

Ste strane idee che no centra gnente,
Le go anca se de altro se ragiona;
Me da da pensar: -"ma soi deficiente!"

Xe che all'omo ghe piase la dona,
Ma la vuria fata difarente:
Culo tete tete culo e mona.